Scoperti Portali Magnetici fra Terra e Sole: la NASA prepara missione spaziale

29 Giugno 2012: Un tema preferito di fantascienza è "il portale"
un'apertura straordinaria nello spazio o nel tempo che connette i viaggiatori a regni lontani.
Il portale è una scorciatoia, una guida, una porta verso l'ignoto.
Se solo realmente esistito ....

La NASA ha finanziato un ricercatore presso la University of Iowa, ha capito come trovarli.

"Noi li chiamiamo X punti o regioni di diffusione di elettroni", spiega il fisico Jack plasma Scudder della University of Iowa. "Sono luoghi in cui il campo magnetico della Terra collega al campo magnetico del Sole, la creazione di un percorso ininterrotto che conduce dal nostro pianeta verso l'atmosfera del sole 93 milioni di miglia di distanza."

Osservazioni THEMIS della NASA veicoli spaziali e sonde Cluster europei suggeriscono che questi portali magnetici aprono e chiudono decine di volte al giorno. Sono in genere a poche decine di migliaia di chilometri dalla Terra, dove il campo geomagnetico incontra il vento accorrente solare. La maggior parte dei portali sono piccoli e di breve durata, altri sono illusori, vasti, e sostenuti. Tonnellate di particelle energetiche possono fluire attraverso le aperture, riscaldamento alta atmosfera terrestre, scatenando tempeste geomagnetiche, e accendere luminose aurore polari.

La NASA ha in programma una missione chiamata "MMS", abbreviazione di Magnetospheric Mission multiscala, dovuto al lancio nel 2014, per studiare il fenomeno. Irta di rivelatori di particelle energetiche e sensori magnetici, il veicolo spaziale quattro MMS si diffonderà in magnetosfera terrestre e circondano i portali di osservare come funzionano.

C'è solo un problema: trovare loro. Portali magnetici sono invisibili, instabile e sfuggente. Si apre e si chiude senza preavviso "e non ci sono indicazioni che ci guidino in", osserva Scudder. Portali nascosti (dati Polar, 200px) I modelli al computer basati sui dati del Polar sonda della NASA, circa 1998, di cui indizi cruciali per trovare magnetica X-punti.

In realtà, ci sono cartelli, e Scudder li ha trovati.

Portali formano attraverso il processo di riconnessione magnetica. Mingling linee di forza magnetica del Sole e la Terra criss-cross e si uniscono per creare le aperture. "X-punti" sono dove il incrociata avviene. L'improvviso unione di campi magnetici può spingere getti di particelle cariche dal punto X, la creazione di una "regione elettrone diffusione."

Per informazioni su come individuare questi eventi, Scudder esaminato dati provenienti da una sonda spaziale che orbita intorno la Terra più di 10 anni fa.

"Alla fine del 1990, Polar sonda della NASA ha trascorso anni in magnetosfera terrestre", spiega Scudder ", e ha incontrato molti X-punti durante la sua missione."

Poiché i sensori Polar effettuate simili a quelle di MMS, Scudder ha deciso di vedere come un punto X sembrava Polar. "Utilizzando i dati polari, abbiamo trovato cinque combinazioni semplici di campo magnetico e le misurazioni di particelle energetiche che ci dicono quando abbiamo incontrato un X-punto o una regione di diffusione di elettroni. Spacecraft un single, opportunamente strumentato, può effettuare tali misurazioni."

Ciò significa che solo membro della costellazione MMS utilizzando la diagnostica possono trovare alcuni membri del portale e di allarme di altri della costellazione. Pianificatori di missione a lungo pensato che MMS potrebbe essere necessario trascorrere un anno o giù di lì imparare a trovare portali prima che potesse studiarli. Breve lavoro di Scudder taglia il processo, consentendo MMS per andare al lavoro senza indugio.

Si tratta di un collegamento degno dei migliori portali di invenzione, solo che questa volta i portali sono reali. E con le nuove "indicazioni" sappiamo come trovarli.

Il lavoro di Scudder e colleghi è descritto in modo molto dettagliato nel numero del 1 giugno dei Physical Review Letters.
Google translator / Fonte: Nasa

1 commento:

  1. scusate ma pier luigi ighina aveva gia scoperto qualcosa di simile

    RispondiElimina